Osservatorio imprese

Venerdì 1 Febbraio 2019

Sempre più imprenditori scelgono di rischiare solo sul capitale sociale

Il quarto trimestre 2018 si chiude con 95.085 imprese registrate in provincia di Bergamo. Lo stock delle imprese attive (84.640) è in calo tendenziale (-429 posizioni pari al -0,5% su base annua) da due anni a questa parte.

Nel periodo considerato si è avuto un saldo negativo di -299 unità (-356 nel corrispondente periodo del 2017). Le imprese attive aumentano su base tendenziale tra le società di capitale (+2,7%). Diminuiscono le società di persona (-2,2%), le imprese individuali (-1,6%) e le altre forme giuridiche (-0,6%), in prevalenza cooperative.

Il settore artigiano, con 30.471 imprese a fine settembre 2018, registra una riduzione del -1,5% delle unità registrate su base annua. Lo stock delle posizioni attive registra una riduzione di -451 unità rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente. Le iscrizioni (325) calano del -17,5% su base annua. Le cessazioni (-550) aumentano del 1,1%. Anche per questo trimestre si registra un saldo negativo tra iscritte e cessate: -225 unità, contro le -150 del quarto trimestre dell'anno precedente.

Aumentano le imprese attive nei comparti: +122 (+3,4%) nelle attività professionali, scientifiche e tecniche, +103 (+3,8%) nei servizi di supporto alle imprese, +59 (+1,4%) nelle altre attività dei servizi alle persone, +50 (+0,8%) nelle attività immobiliari, +40 (+2,0%) nei servizi di informazione e comunicazione, +29 (+5,0%) nella sanità e assistenza sociale, +28 (+2,7%) nei servizi di intrattenimento, +13 (+3,2%) nell'istruzione, +5 (+0,2%) nelle attività finanziarie e assicurative.

Ultima modifica: Venerdì 1 Febbraio 2019
Lunedì 29 Ottobre 2018

Imprese terzo trimestre 2018: segue il calo tendenziale

Il trimestre si chiude con 95.385 imprese registrate in provincia di Bergamo. Lo stock delle imprese attive (85.152) è in calo tendenziale (-233 posizioni pari al -0,3% su base annua) da due anni a questa parte.

Nel periodo considerato si sono avute 1.001 nuove iscrizioni (+3,6% su base annua) e 874 cessazioni (-3,0%), con un saldo positivo di 127 unità (+65 nel corrispondente periodo del 2017).

Le imprese registrate aumentano su base tendenziale tra le società di capitale (+2,9%). Diminuiscono le società di persona (-2,3%), le imprese individuali (-1,3%) e le altre forme giuridiche (-0,4%), in prevalenza cooperative.

Lo spaccato per genere, età e nazionalità delle posizioni attive, conferma la tendenza alla forte crescita su base annua delle imprese straniere (+2,2%), al lieve aumento delle imprese femminili (+0,4%) e alla flessione (-3,8%) delle imprese giovanili.

In riduzione le procedure concorsuali di fallimento, scioglimento e messa in liquidazione: 296 nel terzo trimestre del 2018, in confronto alle 317 del corrispondente trimestre del 2017.

Ultima modifica: Venerdì 25 Gennaio 2019
Lunedì 6 Agosto 2018

Imprese secondo trimestre 2018: segue il calo tendenziale

Il secondo trimestre 2018 si chiude con 95.259 imprese registrate in provincia di Bergamo. Lo stock delle imprese attive (85.109) è in calo tendenziale (-276 posizioni pari al -0,3% su base annua) da due anni a questa parte. Tra aprile e giugno si sono avute 1.292 nuove iscrizioni (-4,9% su base annua) e 955 cessazioni (-12,2%), con un saldo positivo di 337 unità (271 nel corrispondente periodo del 2017). Le imprese registrate aumentano su base tendenziale tra le società di capitale (+2,1%). Diminuiscono le società di persona (-1,9%), le imprese individuali (-1,2%) e le altre forme giuridiche (-0,6%), in prevalenza cooperative.

Lo spaccato per genere, età e nazionalità delle posizioni attive, conferma la tendenza alla forte crescita su base annua delle imprese straniere (+2,5%), al lieve aumento delle imprese femminili (+0,2%) e alla flessione (-4,3%) delle imprese giovanili. In riduzione le procedure concorsuali di fallimento, scioglimento e messa in liquidazione: 294 nel secondo trimestre del 2018, in confronto alle 334 del corrispondente trimestre del 2017.

Ultima modifica: Giovedì 27 Dicembre 2018
Mercoledì 8 Novembre 2017

Osservatorio imprese - terzo trimestre 2017

In aumento su base annua gli addetti alle unità locali delle imprese attive (oltre 7mila in più) con un contributo rilevante diretto e, tramite i somministrati, indiretto da parte della manifattura. Crescono anche in misura significativa gli addetti dei servizi di alloggio e ristorazione, del commercio all'ingrosso e al dettaglio e degli altri servizi alle imprese.

È disponibile nella sezione Studi e pubblicazioni del sito camerale, l'osservatorio sulle imprese relativo al terzo trimestre 2017.

Ultima modifica: Martedì 18 Dicembre 2018