Comunicazione Pec

Che cosa è la Pec

Pec è l'acronimo di posta elettronica certificata. È un sistema di "trasporto" di documenti informatici del tutto simile alla posta elettronica tradizionale, cui però sono state aggiunte caratteristiche per garantire la certezza, a valore legale, dell'invio e della consegna dei messaggi al destinatario.

 

Obbligo di comunicazione della Pec

Ai sensi dell’art. 16, comma 6 del D.L. n. 185/2008, hanno l’obbligo di comunicare il proprio indirizzo Pec al Registro imprese tutte le imprese costituite in forma societaria (società di persone, società di capitali, società cooperative, società consortili, società in liquidazione e società estere con sede secondarie in Italia). Lo stesso obbligo si applica alle imprese individuali non soggette a procedure concorsuali (art. 5 Legge 17 dicembre 2012, n. 221, in vigore dal 19 dicembre 2012).

Requisiti della Pec - L'indirizzo Pec comunicato al Registro imprese deve essere esistentevalidogià attivo al momento della comunicazione e univoco (deve essere riconducibile esclusivamente e univocamente all’impresa senza possibilità di domiciliazione presso soggetti terzi). Ciò è previsto dalla direttiva del Ministero dello sviluppo economico d’intesa con Ministero della giustizia n. 2608 del 27/4/2015.

Esclusione dall’obbligo di comunicazione

Non sono soggette all’obbligo di comunicare la Pec:

  • le imprese individuali già iscritte al Registro imprese alla data del 20/10/2012 (data di entrata in vigore del decreto legge che ha introdotto l'obbligo) soggette a procedure concorsuali.

Inoltre hanno la facoltà di comunicare la Pec i seguenti soggetti:

  • i consorzi
  • i G.E.I.E.
  • le associazioni
  • le fondazioni
  • le aziende speciali (iscritte al RI/Rea)
  • le unità locali in Italia di società estere.

Che cosa fare

Per richiedere una casella Pec è necessario rivolgersi a un gestore iscritto nell'elenco dell’Agenzia per l'Italia Digitale.
La comunicazione e la variazione della Pec al Registro imprese avviene attraverso una pratica telematica di Comunicazione Unica che può essere predisposta utilizzando i seguenti strumenti:

Starweb per imprese individuali

Comunicazione Pec con Starweb per le imprese individuali

Collegarsi al sito ComunicaStarweb e inserire il nome utente e la parola chiave utilizzati per l’accesso al sistema Telemaco.

Selezionare la regione su cui operare (Lombardia) e cliccare su “Continua”.

Dal menù 'Comunicazione Unica Impresa' selezionare la voce “Variazione”. Inserire la provincia della “Camera di commercio destinataria”.

Inserire le informazioni nei campi “CCIAA sede” e “Nr. REA sede” oppure solo il “Codice fiscale” dell’impresa e cliccare sul tasto “Dati impresa”.

Dalla “lista imprese trovate” selezionare l’impresa. In automatico verranno compilate, con i dati presenti nel R.I., le altre informazioni (denominazione, sede e attività).

Dalla voce “Dati sede” selezionare il riquadro “Pec” e cliccare su “Continua”.

Nel campo “Dal” inserire la data di invio della pratica e compilare il campo “E-mail certificata” con l'indirizzo di posta elettronica certificata dell'impresa individuale.
Non è possibile inserire un indirizzo Pec riferito a un soggetto terzo, es. commercialista perché l'indirizzo Pec deve essere univocamente ed esclusivamente riconducibile all'impresa. L'indirizzo deve essere valido e attivo al momento dell'invio.

Cliccare su “Avanti” per procedere alla predisposizione della pratica per l’invio (scarico, apposizione firma digitale, ecc.).

Starweb per le società

Comunicazione Pec con Starweb per le società

Collegarsi al sito ComunicaStarweb ed inserire il nome utente e la parola chiave utilizzati per l’accesso a Telemaco.

Selezionare la regione su cui operare (Lombardia) e cliccare su “Continua”.

Selezionare la voce “Variazione”.

Inserire la provincia della “Camera di commercio destinataria”.

Inserire le informazioni nei campi “CCIAA sede” e “Nr. REA sede” oppure solo il “Codice fiscale” dell’impresa e cliccare sul tasto “Dati impresa”.

Dalla “lista imprese trovate” selezionare l’impresa. In automatico verranno compilate, con i dati presenti nel R.I., le altre informazioni (denominazione, sede e attività) e verrà proposto l’elenco delle possibili variazioni.

Selezionare in “Dati sede” la voce “Pec” e cliccare su “Continua”.

Compilare il campo “E-mail certificata” ed inserire nel campo “Data atto” la data di invio della pratica.
Non è possibile inserire un indirizzo PEC riferito ad un soggetto terzo, es. commercialista perché l'indirizzo Pec deve essere univocamente ed esclusivamente riconducibile all'impresa. L'indirizzo deve essere valido e attivo al momento dell'invio.

Cliccare su “Avanti” per procedere alla predisposizione della pratica per l’invio (scarico, apposizione firma digitale ecc.).

Comunicazione Pec con ComunicaFedra

Questa procedura è utilizzabile per tutte le imprese a esclusione delle imprese individuali.

Selezionare il modello base S2: i riquadri “A – Estremi di iscrizione” e “B – Estremi dell’atto” sono già selezionati in quanto la loro compilazione è obbligatoria.

Selezionare per la compilazione il riquadro 5.

Compilare il modello S2 completando i dati richiesti nei riquadri obbligatori (nel riq. “B – Estremi dell’atto” indicare come data atto quella di presentazione della pratica).

Nel riquadro “5 – Indirizzo della sede legale” compilare il campo “e-mail certificata”.

Cliccare su “Applica”.

Comparirà una maschera nella quale verrà richiesto se si vuole riflettere la modifica nell’anagrafica dell’impresa. Selezionando “Sì” il dato relativo alla Pec sarà memorizzato in anagrafica.

Procedere alla predisposizione della pratica per l’invio (scarico, apposizione firma digitale, ecc.).

Modalità semplificata

Questa procedura può essere utilizzata da legali rappresentanti, consiglieri, amministratori, soci di s.n.c. e società semplice, soci accomandatari di s.a.s. e titolari di impresa individuale.

Per l’utilizzo della procedura semplificata online è necessario disporre del solo dispositivo di firma digitale.

Per accedere basta collegarsi all’indirizzo pec-registroimprese.infocamere.it.

Tutte le ricevute inerenti la pratica vengono inviate all’indirizzo Pec dell'impresa e all’eventuale ulteriore indirizzo e-mail indicato nella maschera di compilazione.

È inoltre possibile utilizzare altri software purché compatibili.

Cancellazione di Pec non conformi

Il Registro imprese di Bergamo verifica mensilmente l’esistenza e la validità degli indirizzi Pec comunicati dalle imprese iscritte, come previsto dalla direttiva del Ministero dello sviluppo economico d’intesa con Ministero della giustizia n. 2608 del 27/04/2015.

Gli elenchi di imprese che risultano detenere un indirizzo Pec non valido, revocato e non univoco vengono periodicamente pubblicati nell’Albo camerale.

La pubblicazione vale come notificazione formale secondo quanto disposto dall’art. 8 della L. n. 241/1990. Entro 30 giorni dalla pubblicazione le imprese in elenco dovranno regolarizzare la propria iscrizione tramite:

  • il rinnovo dell’indirizzo Pec revocato (in questo caso non serve alcuna comunicazione), oppure
  • la comunicazione di un nuovo indirizzo Pec valido, attivo e univoco.

Decorsi inutilmente 30 giorni dalla pubblicazione, il Conservatore del Registro imprese procederà, senza ulteriore avviso, alla cancellazione d’ufficio degli indirizzi Pec non regolarizzati.
In assenza di un indirizzo Pec valido in visura, qualsiasi modifica inviata sulla posizione dell’impresa è sospesa fino a quando non viene comunicato un indirizzo Pec valido e comunque per un massimo di tre mesi per le società, e 45 giorni per le imprese individuali. Decorso tale termine, la modifica verrà respinta e considerata mai presentata.
L’ufficio valuterà se è possibile procedere all’iscrizione d’ufficio della modifica e, nel caso, accerta la violazione per l’omessa denuncia.

Costi

La domanda di iscrizione del solo indirizzo Pec è esente da imposta di bollo e da diritti di segreteria.

Riferimenti normativi

  • Decreto del Presidente della Repubblica 11 febbraio 2005 n. 68
  • Decreto legislativo 7 marzo 2005 n. 82 “Codice dell'amministrazione digitale”;
  • Legge 28 gennaio 2009, n. 2 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, recante misure urgenti per il sostegno a famiglie, lavoro, occupazione e impresa e per ridisegnare in funzione anti-crisi il quadro strategico nazionale”;
  • Legge 17 dicembre 2012, n. 221 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 18 ottobre 2012, n. 179, recante ulteriori misure urgenti per la crescita del Paese”;
  • Decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 “Codice dell'amministrazione digitale”;
  • Direttiva del Ministero dello sviluppo economico d’intesa con Ministero della giustizia n. 2608 del 27/04/2015.
Contatti

Registro imprese

Unità organizzativa
Registro imprese
Responsabile
Giovanna Bolis
Indirizzo
largo Belotti, 16 - Bergamo (piano terra)
CAP
24121
Telefono
199113394 (*) - Centro di assistenza telefonica. Orario: dal lunedì al venerdì dalle 9.00 alle 17.00.
PEC
registro.imprese@bg.legalmail.camcom.it
Orari

L'ufficio non è aperto al pubblico.

Note

Attività: gestisce il Registro imprese e il Repertorio economico amministrativo, verifica i requisiti per l’esercizio delle attività di installazione impianti, autoriparatori e pulizia. Verifica le dichiarazioni di conformità.

Attività sul sito: Registro imprese | Imprese artigiane | Attività soggette a requisiti professionali

Per informazioni sui requisiti artigiani scrivere all'indirizzo Pec artigianato@bg.legalmail.camcom.it
Ultima modifica: Giovedì 28 Marzo 2019