Che cosa è la mediazione

La mediazione è uno strumento di risoluzione alternativa delle controversie civili e commerciali istituito dal d.lgs. n. 28/2010. Con la mediazione, i soggetti coinvolti in una controversia hanno la possibilità di confrontarsi in un ambiente neutrale e riservato, avanzare proposte e costruire, in piena autonomia, la soluzione al proprio problema creando soluzioni soddisfacenti per entrambe le parti, avvalendosi dell'assistenza specializzata di un mediatore indipendente e imparziale. La mediazione consente di risolvere le controversie civili e commerciali, che vertono su diritti disponibili, in maniera semplice ed efficace, senza formalità di procedura.

La normativa prevede diverse tipologie di mediazioni:

  • volontaria (scelta dalle parti);
  • contrattuale (per la presenza di una clausola di mediazione inserita in un contratto);
  • demandata (quando il giudice invita le parti a tentare la mediazione);
  • obbligatoria (quando il tentativo di mediazione è condizione necessaria prima di potersi rivolgere al giudice).

L'art. 5, c. 1 bis, del d.lgs. n. 28/2010 e successive modifiche e integrazioni, ha stabilito che il procedimento di mediazione è condizione di procedibilità della domanda giudiziale per le seguenti materie: condominio; diritti reali; divisione; successioni ereditarie; patti di famiglia; locazione; comodato; affitto di aziende; risarcimento del danno derivante da responsabilità medica e sanitaria; risarcimento del danno derivante da diffamazione a mezzo della stampa o con altro mezzo di pubblicità; contratti assicurativi; contratti bancari; contratti finanziari.

Il servizio di conciliazione della Camera di commercio di Bergamo è un Organismo di mediazione iscritto al n. 54 del Registro degli organismi di mediazione tenuto presso il Ministero della giustizia, ai sensi del d.lgs. n. 28/2010.

Normativa
Ultima modifica: Venerdì 22 Marzo 2019