Bando FaiCredito Rilancio 2021

Bando FaiCredito Rilancio 2021
Aperto
Scade
12/11/2021, ore 12:00
ID
2021-19
Martedì 13 Luglio 2021

Bando FaiCredito Rilancio 2021

Abbattimento dei tassi di interesse per favorire la liquidità e il rilancio delle MPMI lombarde.

ESAURITI I FONDI DEL BANDO

Vedere par. "Aggiornamenti".

Le Camere di commercio lombarde e Regione Lombardia hanno stanziato un fondo di 13.560.000 euro, di cui 250.000 euro stanziati dalla Camera di Bergamo, per prevenire le crisi di liquidità delle micro, piccole e medie imprese e migliorare le loro condizioni di accesso al credito anche su finanziamenti per investimenti per il rilancio del business.

L’agevolazione consiste in un contributo a fondo perduto per l’abbattimento del tasso di interesse fino al 3% su finanziamenti stipulati a partire dal 1° gennaio 2021 di importo minimo pari a 10.000 euro e di durata compresa tra 12 e 72 mesi. Il contributo massimo ammonta a 10.000 euro, a cui si aggiungono ulteriori 1.000 euro a copertura del costo della garanzia per le pratiche presentate tramite i Consorzi fidi, che si impegnano ad applicare tariffe calmierate sulle operazioni oggetto di agevolazione.

Le domande possono essere inviate esclusivamente tramite il portale Telemaco a partire dalle ore 14.00 del 19 luglio alle ore 12.00 del 12 novembre 2021.

Il bando è scaricabile in calce. La relativa modulistica e i riferimenti da contattare per eventuali chiarimenti sul testo o per assistenza tecnica sulla procedura telematica sono disponibili nella pagina dedicata del sito di Unioncamere Lombardia.

Nota bene. La presente pagina è una sintesi del concorso. Tutte le condizioni per partecipare e la procedura sono contenute nel bando consultabile in calce.

Aggiornamenti successivi alla pubblicazione
Data
Venerdì, 23 Luglio, 2021 - 15:45

Esauriti i fondi del bando FaiCredito Rilancio

23 luglio 2021 — Con determinazione di Unioncamere Lombardia D.O. n. 62 del 26 luglio 2021, sono stati dichiarati chiusi i termini del bando per esaurimento delle risorse disponibili per le imprese delle provincie di Bergamo e di Sondrio, con l’eccezione delle sole aziende agricole, che possono ancora presentare domanda. Come indicato al punto C1 del bando, le pratiche pervenute oltre tale data non saranno valutate.