Brexit

Brexit prossimo ripristino della dogana tra UE e Regno Unito

Brexit

Prossimo ripristino della dogana tra UE e Regno Unito?

Considerato lo stato di stallo delle negoziazioni tra Unione Europea e Regno Unito, appare ormai quasi certo che nell’immediato le due parti non raggiungeranno un accordo sugli scambi. È, quindi, necessario prepararsi al ripristino delle frontiere doganali negli scambi con il Regno Unito e alla reintroduzione di regole per il movimento delle persone, seguendo le prime indicazioni fornite dalla Commissione Europea (pdf); ciò vale in particolare per gli operatori che sino a oggi hanno operato solo in regime intracomunitario e che dovranno presto approcciare tutte le operazioni e misure connesse con i regimi doganali di esportazione e importazione.

Va chiarito innanzitutto che tutte le cessioni di merci dall'Italia al Regno Unito rappresenteranno a tutti gli effetti operazioni di esportazione (verso Paese terzo - extra UE); a prescindere dal futuro raggiungimento o meno di un accordo, sarà perciò necessario espletare tutti i consueti adempimenti doganali.

Va ricordato, inoltre, che per esportare è necessario essere titolari di un codice EORI. Questa è una formalità che gli operatori che fino a oggi hanno svolto solo transazioni intracomunitarie dovranno adempiere in via preventiva in modo da garantire la continuità di invio delle proprie merci nel Regno Unito. Gli operatori sprovvisti di tale codice possono fin da ora prendere contatti con le Autorità doganali per ottenerlo (vedi scheda di sintesi specifica redatta dall’agenzia ICE (pdf)).

È stato chiarito che si arriverà al pieno regime delle nuove operazioni doganali, con richiesta di documentazione maggiormente dettagliata, solo a partire dal 1° luglio 2021, in modo da dare agli operatori più tempo per organizzare la gestione del passaggio. Le procedure doganali si attiveranno con modalità e tempi diversi a seconda della tipologia della merce. L'introduzione dei controlli doganali all'importazione (pdf) è distinta in tre momenti: 1° gennaio 2021, 1° aprile 2021 e 1° luglio 2021, data per cui si prevede che tutti i nuovi regimi doganali siano completamente operativi.

Per ciò che attiene le merci coperte da convenzioni internazionali ATA e TIR, l'operatività è prevista a partire dal 1° gennaio 2021. Di conseguenza è possibile che siano già richiesti carnet con destinazione Regno Unito a partire dalla prima fase.

Per completezza, può essere utile riferirsi anche alla nota dell'Agenzia delle Dogane (pdf) che già nel 2019 delineava gli impatti di natura doganale nell'ipotesi di uscita senza accordo.

Da ultimo, in tema di passeggeri le Autorità britanniche hanno reso noto che solo a partire dal 1° ottobre 2021 sarà obbligatoria per i cittadini dell'UE l'esibizione del passaporto per l'ingresso nel Regno Unito e che non saranno necessari visti di ingresso per viaggi di breve durata o turismo.

La rete camerale degli sportelli LombardiaPoint, oltre a numerose guide illustrative, mette a disposizione i propri qualificati esperti e consulenti per rispondere ai dubbi, dando supporto per meglio affrontare questi importanti cambiamenti. Per ricevere rapidamente una risposta, è sufficiente registrarsi e inviare il quesito (percorso: L'esperto risponde > Dogane e intrastat > Assistenza dogane e intrastat (UCL) > Invia la tua richiesta). Il servizio, finanziato dalle Camere di commercio lombarde, è riservato alle imprese lombarde ed è gratuito. Lo sportello LombardiaPoint di Bergamo è contattabile all’indirizzo lombardiapoint.bergamo@bg.camcom.it.